SINU: Società Italiana di Nutrizione Umana
REGISTRATI LOGIN


La Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU) è una Società scientifica senza scopo di lucro
che riunisce gli studiosi e gli esperti di tutti gli ambiti legati al mondo della nutrizione. La SINU aderisce alla FeSIN

LIPIDI

Società Italiana di Nutrizione Umana-SINU, 2014

LARN - Livelli di assunzione di riferimento per la popolazione italiana: LIPIDI.

LARN PER LIPIDI
    SDT
Obiettivo nutrizionale
per la prevenzione
AI
Assunzione adeguata
RI
Intervallo di riferimento
per l'assunzione di nutrienti
LATTANTI Lipidi totali
SFA
PUFA
PUFA n-6
PUFA n-3
 
Acidi grassi trans

<10% En




Il meno possibile
40% En



EPA-DHA 250 mg
+ DHA 100 mg
 


5-10% En
4-8% En
0,5-2,0% En
BAMBINI-ADOLESCENTI Lipidi totali

SFA
PUFA
PUFA n-6
PUFA n-3
 
 
Acidi grassi trans


<10% En





Il meno possibile





EPA-DHA 250 mg
1-2 anni +DHA 100 mg
1-3 anni: 35-40% En
>4 anni: 20-35% En*

5-10% En
4-8% En
0,5-2,0% En


 
ADULTI E ANZIANI Lipidi totali
SFA
PUFA
PUFA n-6
PUFA n-3
 
Acidi grassi trans

Colesterolo

<10% En




Il meno possibile

<300 mg




EPA-DHA 250 mg
20-35% En*

5-10% En
4-8% En
0,5-2,0% En



 
GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO Lipidi totali
SFA
PUFA
PUFA n-6
PUFA n-3
 
Acidi grassi trans

Colesterolo

<10% En




Il meno possibile

<300 mg




EPA-DHA 250 mg
+DHA 100-200 mg
20-35% En*

5-10% En
4-8% En
0,5-2,0% En


 

Per intervallo d'età 6-12 mesi si intende il secondo semestre di vita.
% En: percentuale dell'energia totale della dieta; SFA: acidi grassi saturi; PUFA: acidi grassi polinsaturi; PUFA n-6: acidi grassi polinsaturi della serie n-6; PUFA n-3: acidi grassi polinsaturi della serie n-3; EPA: acido eicosapentanoico; DHA: acido docosaesaenoico.
*I valori più elevati dell'intervallo sono coerenti con diete in cui l'apporto di carboidrati sia vicino al limite inferiore del corrispondente RI; negli altri casi si raccomanda di mantenere valori ≤30% En. La quantità di acidi grassi monoinsaturi (MUFA) da assumere con la dieta viene calcolata per differenza, considerando l'SDT per gli SFA e l'RI per i PUFA. L'evidenza scientifica non consente di definire in alcun caso il livello massimo tollerabile di assunzione (tolerable upper intake level, UL).

 

Progetto editoriale a cura di SICS Editore